Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 10 novembre 2011

Arrivano i MEZZILIBRI!!!

Arrivano su CastelloVolante i Mezzilibri! Scarica gratuitamente mezzo eBook e se TI PIACE acquistalo onLine!

La divina suocera. Storia di Matidia che fece di Adriano un grande imperatore





L’incredibile storia di Matidia, la prima e unica suocera al mondo che sia stata addirittura divinizzata! Una delle più influenti matrone romane, nipote dell’imperatore Traiano, fu determinante nell’ascesa al trono di Roma da parte di Adriano che consigliava e seguiva persino nelle battaglie. La sua storia di madre, bisnonna e trisavola di imperatrici viene ricostruita in modo straordinario da una storica esperta nelle questioni femminili. Valeria Palumbo ha scritto questo libro in modo narrativo, con il risultato di rendere la sua rigorosa opera di divulgazione storica avvincente come un romanzo. L’autrice giornalista e caporedattore di L’Europeo ha pubblicato numerosi libri tra cui, Donne di Piacere(Sonzogno 2005), La perfidia delle donne (Sonzogno 2006),Svestite da uomo (Bur 2007) e Le figlie di Lilith (Odradek 2008) saggio sulla trasformazione del mito della femme fatale in diva. Il libro L’ora delle Ragazze Alpha (Fermento 2009) sulla terza onda del femminismo, ha vinto il premio selezione Anguillara Sabazia 2010. Il presente eBook è stato pubblicato per la prima volta nel 2004 dalla casa editrice Selene e ristampato nel 2010 con alcune revisioni.

...
«[...] Non sa chi è Matidia? Ma anima mia, ma dove vive? Matidia», e gli si gonfiò il petto come se fosse sua sorella, «Matidia è stata la prima e unica suocera al mondo che è stata divinizzata. Dal genero, non so se mi spiego, Adriano, lo conosce? Quello di Villa Adriana, di Castel Sant'Angelo cioè della Mole Adriana, quello che si innamorò di un ragazzetto e per la gelosia lo fece
annegare nel Nilo e poi lo divinizzò, pure a lui. Quell'Adriano, per intendersi, che non è stato solo l'imperatore dei romani, ma del mondo, perché sotto di lui Roma raggiunse la massima grandezza, non so se mi spiego. Mi spiego?» aggiunse perplesso. «Più o meno, ma... siete parenti?», bofonchiai con aria stupida [...]





Nessun commento:

Posta un commento