Si è verificato un errore nel gadget

martedì 10 aprile 2012

Un nuovo racconto per CastelloVolante | FACEBOOK SCORIES

L' eBook inedito di CastelloVolante FACEBOOK SCORIES continua ad essere un successo,
ma nonostante il concorso da noi promosso sia ormai chiuso da tempo, nuovi racconti facebookiani saltano fuori dal web, ed e' per questo che abbiamo deciso di pubblicare qua un nuovo racconto...







l’amore ai tempi di facebook

 
di Veronica Giuffrè

Ricordo ancora il pomeriggio in cui trovammo finalmente il coraggio di provare. Eravamo a casa di Mario, la connessione lenta e un pc portatile scassato con lo schermo a righe e l’alimentatore che non potevi azzardarti a sfiorarlo, perché rischiavi che la zebratura delle immagini prendesse il sopravvento fino a rendere definitivamente irriconoscibile la composizione astratta di pixel bruciati che avevamo imparato a decifrare. Ci ostinavamo a chiamarlo “portatile”, quel relitto cibernetico rumoroso e caldo che non potevi portarlo effettivamente da nessuna parte, pesante e incatenato com’era alla presa di corrente. A Mario non mancavano i fondi per comprarne uno nuovo – sottile, leggero, portatile per davvero –, ma un po’ per pigrizia, un po’ perché quel perenne ronzio disperato aveva finito per inserirsi nei nostri discorsi e riempirne i silenzi, nessuno di noi aveva voglia di cambiare lo stato di cose in cui la routine ci aveva incasellati.
A casa di Mario, dicevo. Mario, Giacomo, Fabrizio ed io. A scuola ci avevano detto che quel posto era mitico, potevi conoscere una cifra di gente nuova. A noi interessavano quasi esclusivamente le ragazze, le più fiche e irraggiungibili della scuola, perché di amici ne avevamo già abbastanza: il nostro quartetto era più che sufficiente. Sotto il punto di vista dei rapporti con l’universo femminile, invece, la nostra vita era un vero disastro. Ci eravamo convinti di aver sopportato abbastanza e che fosse giunto il momento del riscatto del karma alla triste realtà in cui eravamo impantanati. Noi quattro, poco interessanti come ci rendevano l’acne, gli occhiali spessi e gli scolli rotondi delle magliette – nerd, per l’esattezza, ci chiamavano –, le ragazze non ci si filavano di pezza.
Avevamo iniziato i preparativi con largo anticipo: un quintale di gel appiccicoso nei capelli e le pance in dentro, avevamo allestito un set fotografico di pose accattivanti di fronte allo specchio del bagno, scattate rigorosamente col cellulare. Non che ci piacesse l’idea di rendere di pubblico dominio l’arredamento della toilette – anzi, ci sentivamo dei perfetti idioti a guardarci dentro lo specchio cercando di non strizzare gli occhi perché senza occhiali non riuscivamo neppure a centrare l’inquadratura –, ma eravamo disposti a qualunque sacrificio pur di dare una svolta alla nostra esistenza penosa. In un paio di giorni il nostro profilo fu pronto. Un solo profilo, avete capito bene, perché Giacomo – che in questo genere di cose vantava più esperienza – suggerì che, tutti insieme, saremmo stati irresistibili come le rock band che facevano impazzire le ragazze della nostra età. Poco importava che non fossimo capaci di suonare né di cantare, ci rassicurò sempre Giacomo alla prima obiezione di Fabrizio, il quale non mancò di sottolineare che – a parte conoscere tutta la letteratura fantasy mai scritta e saper intavolare una conversazione in elfico fluente – non avevamo altri talenti speciali. Ci eravamo convinti che saremmo diventati popolari per il nostro umorismo sagace, la prontezza di spirito e l’amabile galanteria. Da che mondo è mondo le donne non desiderano altro che le attenzioni di corteggiatori romantici, e i nostri coetanei rozzi, che facevano patire loro le più atroci pene d’amore, non brillavano certo per educazione o proprietà di linguaggio.
Ci immaginavamo già una pagina pubblica intasata da migliaia di “mi piace”, commenti cuoriciosi ai nostri album fotografici, messaggi d’amore, fiumi di richieste di amicizia. I primi giorni, in realtà, non ottennero i risultati sperati: quell’impietoso 0 perenne in alto a destra nella pagina sembrava volerci fare desistere, ma noi aspettavamo pazienti il successo vero, quello lento e duraturo che ti rende per il resto della vita qualcuno che conta davvero. Dopo tredici giorni, 6 ore e una manciata di minuti dal nostro ingresso nella realtà virtuale, le nostre speranze furono ricompensate: una richiesta di amicizia! Era come vedere un sogno realizzato: quattro ragazze – e che ragazze! – ci avevano finalmente notati, avevano scelto noi nella straripante popolazione dell’oceano infinito della rete.
Furono i giorni più elettrizzanti della nostra adolescenza. Ci scambiammo sonetti traboccanti di passione, conversazioni sognanti al chiaro di luna, messaggi privati ricchi di saccarosio che nemmeno lo zucchero filato. Eravamo impazienti di organizzare un incontro che trasportasse quella stupefacente magia dentro i contorni del mondo reale, così decidemmo di organizzare un vero appuntamento. Quattro più quattro, una formazione perfetta per un intreccio d’amore eterno e indissolubile. Potevamo già vedere i lineamenti dei nostri bambini e sentire il fruscio delle code dei labrador scodinzolanti, il quadretto ideale che la migliore cinematografia americana ci aveva trapiantato nell’immaginario. Animati da questi sogni e sostenuti reciprocamente da colpetti fieri sulle spalle, ci avviammo baldanzosi verso la meta. Avreste dovuto vedere che eleganza! L’amore ci aveva resi più belli e sicuri di noi stessi, eravamo quattro gentiluomini agghindati di tutto punto, pronti a incontrare ciascuno la rispettiva compagna della propria vita.
Nessuno di noi era mai stato sfiorato dall’idea di cercare delle crepe nel perfetto sistema che avevamo costruito. Ci avevamo creduto fino all’ultimo istante, con la convinzione e lo slancio di cui solo l’amore vero rende capaci. Ve la farò breve: alla gelateria di Via del Corso, invece che le nostre giovani donne, trovammo ad accoglierci una schiera di perfidi compagni di classe sghignazzanti. I gelati ce li tirarono addosso, cantilenando in coro come in un mottetto a dodici, cento, mille voci: sfigati!

Racconti Straodinari | Edgar Allan Poe

Immortali, eterni, fantastici, meravigliosi. Chi non conosce i Racconti Straordinari di Poe? Lui li scrive e nasce un nuovo tipo di immaginario, una nuova forma di letteratura.
Lui, però, in quei mondi che creava ci viveva pure, come fosse personaggio della sua stessa fantasia. A leggere la sua biografia si ha l’impressione di una vita allucinata e angosciosa, sempre al limite della follia. I racconti li scrive durante tutta la sua vita produttiva cioé dai 26 ai 33 anni, morirà a 40. Si innamora in maniera intensissima di donne impossibili, amori sempre tragici. Prima la madre di un compagno di scuola, lei muore, lui ci mette un anno a riacquistare il senno. Poi una coetanea, la famiglia di lei lo bandisce, lui cade in depressione acuta. Infine la sua incredibile moglie, sua cugina. La sposa a 13 anni, a 19 lei si ammala di tubercolosi e lui praticamente smette di scrivere. A 23 lei muore e lui impazzisce. Due anni dopo muore pure lui.Di tutta questa avventura umana rimane un romanzo (Le avventure di Gordon Pym) e i Racconti Straordinari.Però hanno cambiato il mondo!


LEGGI UN PEZZETTO E SCARICA L' EPUB GRATUITAMENTE!

giovedì 26 gennaio 2012

La pianta proibita. Canapa: coltura e cultura

CANAPA: COLTURA E CULTURA NELLA STORIA, NELLA LETTERATURA E NEL CINEMA. Un saggio di Luca Sutter che si contraddistingue tra le molte pubblicazioni sul tema per il materiale inedito, i percorsi trasversali letterari e cinematografici, le tesi, la ricostruzione della canapicoltura italiana e le immagini storiche.

La canapa è stata per secoli una delle risorse economiche, industriali e tessili più importanti del nostro Paese, secondo produttore mondiale per quantità ma primo per qualità. Nel Novecento, nonostante gli sforzi del fascismo di proteggere questo mercato, la canapicoltura è andata perduta. Questo saggio ne ripercorre la storia e analizza le cause del suo declino attraverso documenti inediti come un manoscritto di “materia medica” di fine Ottocento o le tavole dell'Encyclopédie di Diderot e d'Alembert. Accanto alla storia dell'uso industriale di questa pianta oggi proibita, viene ripercorsa anche la storia del suo uso medico, riscoperto di recente, e di quello psicotropo, attraverso l'analisi di fonti come la leggenda di Marco Polo del Veglio della Montagna, a capo della setta degli Hashishiyya, da cui il termine
assassino. E ancora, l'erba pantagruelione di Rabelais, il Poema dell'hashish di Baudelaire, le pagine del Conte di Montecristo di Dumas e quelle di Théophile Gautier. La storia del proibizionismo del Novecento viene ricostruita con un'analisi comparata con la proibizione di altre sostanze come il caffè, il tabacco e gli alcolici che hanno avuto come conseguenza la nascita dei monopòli di Stato e quella del gangsterismo. E un saggio sulla marijuana nella storia del cinema mette in luce come la considerazione della cannabis nell'opinione pubblica sia nel tempo cambiata: dalla droga devastante delle pellicole degli anni Trenta sino alle rappresentazioni leggere, scherzose e di denuncia del nuovo millennio.

In vendita nei maggiori e-Book store.

Autore: Luca Sutter Editore: CastelloVolante Prezzo: € 4,70

Disponibile nella versione MezzoLibro gratuito su CastelloVolante 

lunedì 16 gennaio 2012

NON CI FACCIAMO MANCARE PROPRIO NIENTE: CASTELLOVOLANTE SUL CORRIERE DEL VENETO

Dopo il successo della pubblicazione dell' eBook BASTARDE SENZA GLORIA. Storie donne a Venezia dal Medioevo a Patty Pravo della collana MezziLibri, in vendita sui maggiori eBook store, il Corriere del Veneto ha deciso di premiare CastelloVolante e il nostro autore Alessandro Marzo Magno...