Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 23 novembre 2011

super Intervista al super responsabile editoriale!!!

Il nostro super responsabile editoriale Antonio Zoppetti intervistato da Luta di pescepirata.it su CastelloVolante
Nuova editoria digitale, eBook, Reader... Zop presenta il nostro progetto e si immerge in quelli che sono gli argomenti "hot" nel campo delle innovazioni editoriali.


... "avviato il sito CastelloVolante nel 2009 con l'idea di costituire una casa editrice per testare le possibilità di diffusione degli eBook. Così l'iniziativa è partita con un catalogo di titoli classici e fuori diritto, con una selezione ponderata di titoli strutturati e divisi in collane. 
Nel 2010 il sito aveva in questo modo guadagnato la sua piccola visibilità, il catalogo si arricchiva sempre di più e il numero di download mensili era in crescita. All'inizio del 2011 sono subentrato io con una proposta di fare degli esperimenti con dei titoli di nostra proprietà per capire se era possibile passare a una fase business."


 ... "siamo convinti che il futuro dell'editoria sia legato agli eBook. Ciò non significa affatto che gli eBook sostituiranno i libri, ma semplicemente che si creerà un nuovo mercato interessante."


L'inedito pamphlet in versione eBook di Roberto Maragliano solo per CastelloVolante

Il nuovo e inedito eBook  fuori collana di Roberto Maragliano, Immobile scuola. Alcune osservazioni per una discussione, e' disponibile in versione integrale e gratuita solo su CastelloVolante!


Immobile scuola. Alcune osservazioni per una discussione

L’uomo del nuovo millennio è profondamente diverso da quello di primo Novecento. A dividerli, tra le tante cose, c’è il cinema, la radio, il telefono, la televisione, prima ancora del digitale e di Internet. Eppure alle spalle hanno lo stesso modello di scuola! I “nuovi media”, in realtà, non sono poi così nuovi, hanno almeno un trentennio. Il mondo accademico e della scuola, però, ha rifiutato il ben più complesso approccio multimediale e si è arroccato nella difesa di un modello chiuso che stride con quello che sta avvenendo ed è avvenuto nella società. La cultura non può più coincidere solo con la parola scritta e la stampa. Perché la rivoluzione del digitale e di Internet non ha coinvolto la scuola se non marginalmente? È ancora possibile trattare i saperi contemporanei che sono multimediali, complessi e aperti con rigidi schemi manualistici? Che cosa possono fare i singoli insegnanti in questo scenario ingessato da ragioni politiche ed economiche che li sovrastano?
Queste sono le domande che l’autore si pone in un inedito pamphlet che ha come obiettivo non solo l’individuazione delle risposte, ma soprattutto quello di generare una discussione aperta alle soluzioni da parte di tutti.
Roberto Maragliano, guru italiano della didattica con le nuove tecnologie, dopo essere stato professore a La Sapienza, è nell’organico dell’Università Roma Tre dove insegna “Tecnologie per la formazione degli adulti” e “Comunicazione di rete per l’apprendimento”. Le sue pubblicazioni: La scuola dei tre no, Laterza 2003; Parlare le immagini. Punti di vista, Apogeo 2008; Educare e comunicare. Spazi e azioni dei media (cura con Alberto Abruzzese), Mondadori Education, 2008; Adottare l’e-learning a scuola, Garamond-Bookliners 2011.
Autore: Roberto Maragliano
Editore: CastelloVolante|Mur
isbn: 978-88-6399-072-0
Pagine: 23

BEN 3 NOVITA' PER LA COLLANA MEZZILIBRI DI CASTELLOVOLANTE

La collana dei mezzi libri continua a proporvi una serie di chicche veramente IMPERDIBILI!!!
Il sistema e' sempre lo stesso: CastelloVolante offre la possibilita' di scaricare gratuitamente una parte dell'eBook e solo se TI PIACE puoi acquistarlo direttamente da il nostro catalogo su bookrepublic.it





Il ritorno di Vasco e altri racconti dal carcere

Non è facile raccontare la vita del carcere con leggerezza e senza mai cadere nel pietismo o nei luoghi comuni. Su questo registro l’autore si muove con sapienza, ironia e semplicità. Del resto al carcere di San Vittore ha anche insegnato e conosce bene questo mondo che ha esperito.

Un clochard viene scambiato per Vasco Rossi da un gruppo di discotecari che lo raccattano dalla strada e lo ospitano. La vita gli cambia improvvisamente e per settimane viene nutrito e idolatrato dai fan. L’inevitabile finale sarà quello di finire in carcere, come si evince dal titolo che è il filo conduttore di questa raccolta.
Il marocchino Saachid, come in un film di Totò, in carcere ci va per sua decisione. Dietro le sbarre si dà da fare con mille traffici e lavoretti per racimolare piccole fortune. Scontata la pena torna al suo paese e fa il mecenate. Poi c’è Gabriel playboy colombiano che traffica con droga e gioielli per mantenere nel lusso le donne che frequenta. C’è Nello che ingoia lamette da barba per evitare il trasferimento e riuscire a prendere la licenza media e Matteo che si laurea a pieni voti a Porto Azzurro, combatte con il cancro e scrive un romanzo. E c’è ancora di più. Questo “ritorno” del Ritorno di Vasco, pubblicato per la prima volta da Marcos y Marcos nel 1994, include tre racconti inediti: “Gli amori di Irene”, “La grande farfalla” e “The in crowd”.
Davide Pinardi insegna al Politecnico di Milano e all’Accademia di Brera. Ha pubblicato numerosi libri di narrativa (La storia segreta del señor Correal, Rizzoli; Tutti i luoghi del mondo, Tropea; A Sud della Giustizia, Interno Giallo) e di saggistica (Narrare, dall’Odissea al mondo Ikea, Paginauno; Il mondo narrativo,Lindau; La Giubba del Re – Intervista sulla corruzione, Laterza; La letteratura Italiana tra ‘800 e ‘900, RCS).
Autore: Davide Pinardi
Editore: CastelloVolante|Mur
isbn: 978-88-6399-075-1
Pagine: 56

*****************************************************************

Lezioni sul domani


Dodici strepitosi racconti di fantascienza tutti al femminile, alla faccia di quanti pensano che il genere sia per gli uomini e scritto da uomini. In perfetto stile Urania, queste storie hanno il pregio del dono della sintesi e della brevità, contro la dilagante e inutile prolissità di molti libri, e in poche pennellate dipingono scenari del futuro inquietanti in cui prendono forma vicende imprevedibili e fantasiose.
Le autrici sono esordienti, ma nel loro lavoro si respira tutta la loro professionalità ed esperienza nella scrittura. Sono infatti due editor che dirigono un’agenzia letteraria.
Elena Di Fazio è un’esperta e appassionata della materia, che scrive e descrive scenari all’interno del genere in modo canonico, con racconti sorprendenti, articolati e con uno stile che inchioda il lettore. Giulia Abbate è più indefinibile e tende a violare volutamente le regole del genere per ampliarlo e sperimentare delle soluzioni innovative.
I due racconti che aprono l’antologia sono scritti a quattro mani e firmati da entrambe le autrici. Non è facile scrivere a questo modo e non è molto consueto. Ma la sintesi dei due stili è riuscita alla perfezione.
Autori: G. Abbate; E. Di Fazio
Editore: CastelloVolante|Mur
isbn: 978-88-6399-074-4
Pagine: 77

*****************************************************************



Bastarde senza gloria. Storie di donne a Venezia dal Medioevo a Patty Pravo

Veronica Franco, la più celebre e celebrata meretrice veneziana del Cinquecento; Elena Lucrezia Corner Piscopia, la prima laureata della storia; Elisabetta Caminer la prima giornalista d’Italia; Rosalba Carriera, la più celebre ritrattista del Settecento; Sara Copio Sullam, la poetessa del ghetto

Margherita Sarfatti, l’amante ebrea di Mussolini che ha creato il mito del “dux” e ha collegato la romanità al fascismo; Patty Pravo, l’unica italiana ad aver venduto oltre cento milioni di dischi.
Sono vissute in epoche diverse, alcune sono cresciute libere, altre oppresse da società misogine; tutte queste donne, però, hanno un tratto in comune: sono nate a Venezia. Sono le veneziane che hanno segnato il loro tempo e spesso anche il futuro. Un eBook per restituire loro la fama che non hanno avuto. Per ribadire che l’Italia di oggi non è stata fatta solo dagli uomini, ma anche dalle donne.
Un titolo inedito di Alessandro Marzo Magno, veneziano, giornalista storico e scrittore, ha pubblicato numerosi libri, tra cui: Piave. Cronache di un fiume sacro (il Saggiatore 2010) e Atene 1687. Venezia, i turchi e la distruzione del Partenone (il Saggiatore 2011).
Autore: Alessandro Marzo Magno
Editore: CastelloVolante|Mur
isbn: 978-88-6399-073-7
Pagine: 53

giovedì 10 novembre 2011

Arrivano i MEZZILIBRI!!!

Arrivano su CastelloVolante i Mezzilibri! Scarica gratuitamente mezzo eBook e se TI PIACE acquistalo onLine!

La divina suocera. Storia di Matidia che fece di Adriano un grande imperatore





L’incredibile storia di Matidia, la prima e unica suocera al mondo che sia stata addirittura divinizzata! Una delle più influenti matrone romane, nipote dell’imperatore Traiano, fu determinante nell’ascesa al trono di Roma da parte di Adriano che consigliava e seguiva persino nelle battaglie. La sua storia di madre, bisnonna e trisavola di imperatrici viene ricostruita in modo straordinario da una storica esperta nelle questioni femminili. Valeria Palumbo ha scritto questo libro in modo narrativo, con il risultato di rendere la sua rigorosa opera di divulgazione storica avvincente come un romanzo. L’autrice giornalista e caporedattore di L’Europeo ha pubblicato numerosi libri tra cui, Donne di Piacere(Sonzogno 2005), La perfidia delle donne (Sonzogno 2006),Svestite da uomo (Bur 2007) e Le figlie di Lilith (Odradek 2008) saggio sulla trasformazione del mito della femme fatale in diva. Il libro L’ora delle Ragazze Alpha (Fermento 2009) sulla terza onda del femminismo, ha vinto il premio selezione Anguillara Sabazia 2010. Il presente eBook è stato pubblicato per la prima volta nel 2004 dalla casa editrice Selene e ristampato nel 2010 con alcune revisioni.

...
«[...] Non sa chi è Matidia? Ma anima mia, ma dove vive? Matidia», e gli si gonfiò il petto come se fosse sua sorella, «Matidia è stata la prima e unica suocera al mondo che è stata divinizzata. Dal genero, non so se mi spiego, Adriano, lo conosce? Quello di Villa Adriana, di Castel Sant'Angelo cioè della Mole Adriana, quello che si innamorò di un ragazzetto e per la gelosia lo fece
annegare nel Nilo e poi lo divinizzò, pure a lui. Quell'Adriano, per intendersi, che non è stato solo l'imperatore dei romani, ma del mondo, perché sotto di lui Roma raggiunse la massima grandezza, non so se mi spiego. Mi spiego?» aggiunse perplesso. «Più o meno, ma... siete parenti?», bofonchiai con aria stupida [...]